Ginetti calabresi

Ginetti calabresi (o ‘Nginetti calabresi)

Porzioni: circa 40 ginetti

Tempo di preparazione: 1 ora

Tempo di cottura: 15/18 min

Difficoltà: media

I ginetti calabresi (o ‘nginetti calabresi) sono dei tradizionali che affondano le loro radici nella splendida regione meridionale d'Italia, la Calabria. Questi piccoli gioielli dolci sono un'autentica delizia culinaria.

I ginetti calabresi hanno origini antiche, risalenti a tradizioni culinarie che affondano le radici nella cultura e nella storia della Calabria. La loro preparazione è stata tramandata di generazione in generazione, mantenendo intatto il loro sapore autentico e l'arte di realizzarli.

Una delle caratteristiche distintive dei ginetti è il “gileppo”, una deliziosa zuccherata che ricopre i dolcetti, conferendo loro una consistenza unica e un sapore irresistibile.

Durante le e le celebrazioni tradizionali, come il o le feste religiose, i ginetti sono spesso presenti sulle tavole calabresi, portando gioia e dolcezza alle occasioni speciali.

L'odore irresistibile che si diffonde durante la cottura e la gioia di vedere i dolcetti ricoperti di gileppo sono esperienze che creano ricordi duraturi e legami familiari.

Ora è giunto il momento di immergersi nell'arte di creare i ginetti calabresi, seguire passo dopo passo la ricetta tradizionale e gustare questi deliziosi dolcetti che portano con sé la storia e il gusto della Calabria.

Preparatevi a deliziare il palato di amici e familiari con questo capolavoro culinario unico.

Ingredienti

  • 10 , di cui 7 uova intere e 3 tuorli per l'impasto e 3 albumi per il gileppo (la glassa)
  • 500 g di zucchero
  • ¼ di acqua
  • q.b.
  • Un pizzico di sale
  • 2 cucchiai di liquore Strega o altro liquore (facoltativo)

Procedimento per l'impasto

  1. Prendete le uova e rompetele delicatamente in una ciotola (7 uova intere e 3 tuorli, 3 albumi vanno messi da parte per il gileppo).
  2. Aggiungete una piccola quantità di sale e gradualmente versate la farina, mescolando continuamente, fino a ottenere una consistenza morbida per l'impasto.
  3. Trasferite l'impasto sulla spianatoia precedentemente infarinata e lavoratelo energicamente con le mani per almeno 5 minuti.
  4. Aggiungete gradualmente altra farina durante il processo, fino a quando l'impasto non risulterà più appiccicoso alle mani e alla spianatoia. La consistenza finale della dovrà essere morbida. Per ottenere un risultato ottimale, evitate di incorporare nell'impasto i residui di pasta presenti sulle vostre mani.
  5. Create dei di dimensioni pari a due dita e sigillateli accuratamente, rotolandoli con delicatezza sulla spianatoia.
  6. Immergete i taralli in una pentola di acqua bollente e toglieteli dall'acqua quando si solleveranno dal fondo e galleggeranno in superficie. Metteteli da parte a raffreddare.
  7. Fate un'incisione su un lato dei taralli ormai freddi e posizionateli su una teglia leggermente infarinata (se si usa una teglia antiaderente, non è necessario infarinarla), facendo attenzione a lasciare spazio sufficiente tra di loro poiché aumenteranno di volume durante la cottura. Infornate a 180 °C per 15/18 minuti (dipende dalla grandezza e dal forno).
  8. Una volta che i taralli saranno cotti, toglieteli dal forno e tagliateli in pezzetti.

Procedimento per il gileppo (glassa)

  1. Mettete lo zucchero nell'acqua e portate ad ebollizione in una pentola ampia.
  2. Una volta che lo zucchero si sarà sciolto completamente, togliete la pentola dal fuoco e aggiungete gli albumi montati a neve ed il liquore (facoltativo), mescolando vigorosamente per ottenere una completa amalgama.
  3. Versate il composto ottenuto sui vostri ginetti e mescolateli energicamente con una spatola di legno, in modo che la glassa li avvolga completamente.
  4. Disponete i ginetti a raffreddare su una superficie piana.

Una volta che avrete preparato i vostri deliziosi ginetti calabresi, sarà importante conoscere i giusti accorgimenti per conservarli al meglio. Per mantenerli freschi e gustosi, consigliamo di conservarli in un contenitore ermetico, preferibilmente a temperatura ambiente, lontano da fonti di calore e umidità. In questo modo, potrete godere a lungo della loro bontà e della loro consistenza morbida.

Tuttavia, è importante notare che i ginetti tendono ad assorbire l'umidità dell'ambiente circostante, diventando più morbidi nel tempo. Se preferite conservarli per un periodo più lungo, potete optare per la conservazione in frigorifero, sempre in un contenitore ermetico. Prima di servirli, vi consigliamo di lasciarli a temperatura ambiente per alcuni minuti, in modo che tornino alla loro consistenza originale.

Spero che la ricetta dei ginetti calabresi vi abbia ispirato a sperimentare e gustare i sapori autentici della Calabria, portando nella vostra cucina un po' di tradizione e di dolcezza. Buon appetito!

 

Clicca sulle foto per ingrandirle
0 0 voti
Valutazione ricetta
 
Sottoscrivi
Notifica di risposta
0 Commenti
Feedback in linea
Leggi tutti i commenti